La vedova di Pirandello

0.00

Maria Antonietta Portulano sposò Luigi Pirandello nel 1894 portando una cospicua dote. Il matrimonio d’interesse ebbe anche amore e passione e venne completato dalla nascita di tre figli. Ma il crollo finanziario, la Grande Guerra che chiamò il figlio Stefano e la gelosia portarono Maria Antonietta alla follia. Fino al ricovero in un ospedale psichiatrico nel 1919, a Roma dove morirà nel 1959 a 88 anni. 

La pièce si svolge nella clinica di lusso, il 10 dicembre del 1936, giorno della morte di Luigi Pirandello, momento nel quale Maria Antonietta rievoca la sua vita col Premio Nobel (ottenuto nel 34) fatta di ricordi dei figli, della guerra, della pazzia, delle sue opere, del loro rapporto. 

Per interpretare il toccante momento, è stata coinvolta una interprete d’eccezione: Valentina Cortese. Il materiale necessario per la registrazione è stato portato nella dimora della grande attrice a Milano. Sentire la sua voce è come mettersi in contatto con un secolo di teatro, una sensazione, un’emozione, che scaturisce anche dall’ascolto di quest’opera esclusiva. 

Regia di Claudio Laiso. 

Fonderia Mercury - Via Thaon di Revel 21, Milano - 02.36571080 - info@fonderiamercury.it - P.IVA: 07332730964