John Stephen Akhwari: Mille passi

Autore: Gianmarco Bachi, G. Sergio Ferrentino

durata 13 min

È il 27 ottobre 1968. Siamo praticamente al sipario. Si corre la gara di chiusura: la maratona. A vincerla è
l’etiope Mamo Wolde, ma non sarà lui quello che verrà ricordato.
Il protagonista vero è invece uno sconosciuto atleta della Tanzania che si chiama John Stephen Akhwari che
al chilometro diciannove cade e si fa male. Ha una spalla malconcia, una gamba sanguinante. Non è neanche in grado di appoggiare il piede e il traguardo è lontano. Lontanissimo: 23 chilometri. Ma come dice un antico proverbio africano “Mille passi cominciano sempre da uno”.

Ti potrebbe interessare…

  • Bob Beamon: Il salto più lungo

  • Aleksandr Popov: Solo il mio corpo

  • Steve Redgrave: Insieme

  • Gabriella Dorio: Riccioli Dorio

  • Dave Wottle: Giù il cappello

  • Ivano Brugnetti: In marcia

  • Dereck Redmond: A piccoli passi

  • La riga nera: Novella Calligaris

  • Dick Fosbury: Lo sguardo verso il cielo

  • Roger Federer: Game, set, match

  • Andy Murray: Ti porto al pub

  • Samia Yusuf Omar: Fermatevi stelle

  • Niccolò Campriani: L’ultimo colpo

  • Gelindo Bordin: Il geometra della maratona

  • Carl Lewis: Uno, due, tre e mezzo

  • Ondina Valla: Il sole in un sorriso

  • Gabrielle Andersen-Schiess: 4 minuti e 55 secondi

  • Louis Zutter: Il cavallo di Louis

  • Louis Zamperini: Il finale veloce

  • Richard “Dick” Norris Williams: Coincidenze incrociate

  • Ian Thorpe: A piedi uniti

  • Muhammad Alì: Senza tremare, mai

  • Florence Griffith Joyner: C’era una volta Flo

  • Andre Agassi: Parte di me

  • Sebastian Coe e Steve Ovett: Il campione si è perso

  • Jesse Owens: Sei nero anche tu

  • Sara Simeoni: Ti porto in volo

  • Alberto Juantorena: Un uomo chiamato caballo

  • Edwin Moses: Tredici passi

  • Kerri Strug: Non sentire niente

  • Peter Norman: Quello senza guanto

  • Eric Moussambani: L’anguilla africana

  • Son Kitei: Un giorno a Berlino

  • Billy Mills: Venticinque giri

  • Paavo Nurmi: Due ori in un’ora

  • Wilma Rudolph: Il vento in quattro

  • Sergey Bubka: Non fanno per me

  • Werner Gunthor: Il barbaro coi baffi

  • I’m free: Cathy Freeman

  • Jesse Owens: L’oro dell’Alabama

  • L’ultimo re: Abebe Bikila

  • Teófilo Stevenson: Al massimo dei massimi

  • Shaul Ladany: Non mi voglio svegliare

  • Charlotte Cooper: Go, Chatty go!

  • Hélène de Pourtalès: Costruire ponti

  • Mark Spitz: Solo in quarta corsia

  • Greg Louganis: Tre metri sopra

  • Michael Phelps: Andiamo a prenderla

  • Vincere: Josefa Idem

  • Pietro Mennea: Indicando la luna

  • Nadia Comaneci: Aria e silenzio

  • Fonderia Mercury - Via Thaon di Revel 21, Milano - 02.36571080 - info@fonderiamercury.it - P.IVA: 07332730964