Andy Murray: Ti porto al pub

Autore: G. Sergio Ferrentino

durata 14 min

Olimpiadi di Londra 2012. La finale per l’oro maschile del tennis si gioca a Wimbledon. Si sfidano Andy
Murray, scozzese, e lo svizzero Roger Federer. Roger viene raccontato come l’anello di congiunzione tra un
tennis antico e questo contemporaneo. Sulla carta Federer è favorito. Ma per Murray, oltre a giocare in casa,
la finale per l’oro offre molte motivazioni, anche nascoste nel suo passato. E’ ad un passo dalla vittoria. Gli
basta un solo game per vincere la medaglia d’oro.

Ti potrebbe interessare…

  • Gabriella Dorio: Riccioli Dorio

  • Steve Redgrave: Insieme

  • L’ultimo re: Abebe Bikila

  • Florence Griffith Joyner: C’era una volta Flo

  • Gelindo Bordin: Il geometra della maratona

  • Pietro Mennea: Indicando la luna

  • Louis Zamperini: Il finale veloce

  • Ivano Brugnetti: In marcia

  • Michael Phelps: Andiamo a prenderla

  • Charlotte Cooper: Go, Chatty go!

  • Sara Simeoni: Ti porto in volo

  • Nadia Comaneci: Aria e silenzio

  • Paavo Nurmi: Due ori in un’ora

  • Andre Agassi: Parte di me

  • Eric Moussambani: L’anguilla africana

  • Jesse Owens: Sei nero anche tu

  • Greg Louganis: Tre metri sopra

  • Gabrielle Andersen-Schiess: 4 minuti e 55 secondi

  • Teófilo Stevenson: Al massimo dei massimi

  • Muhammad Alì: Senza tremare, mai

  • Dereck Redmond: A piccoli passi

  • Samia Yusuf Omar: Fermatevi stelle

  • La riga nera: Novella Calligaris

  • Aleksandr Popov: Solo il mio corpo

  • John Stephen Akhwari: Mille passi

  • Louis Zutter: Il cavallo di Louis

  • Ian Thorpe: A piedi uniti

  • Hélène de Pourtalès: Costruire ponti

  • Kerri Strug: Non sentire niente

  • Niccolò Campriani: L’ultimo colpo

  • Vincere: Josefa Idem

  • Son Kitei: Un giorno a Berlino

  • Peter Norman: Quello senza guanto

  • Mark Spitz: Solo in quarta corsia

  • Sergey Bubka: Non fanno per me

  • Jesse Owens: L’oro dell’Alabama

  • Richard “Dick” Norris Williams: Coincidenze incrociate

  • Alberto Juantorena: Un uomo chiamato caballo

  • Carl Lewis: Uno, due, tre e mezzo

  • Edwin Moses: Tredici passi

  • Shaul Ladany: Non mi voglio svegliare

  • Roger Federer: Game, set, match

  • Dick Fosbury: Lo sguardo verso il cielo

  • Wilma Rudolph: Il vento in quattro

  • Bob Beamon: Il salto più lungo

  • Sebastian Coe e Steve Ovett: Il campione si è perso

  • Billy Mills: Venticinque giri

  • Dave Wottle: Giù il cappello

  • I’m free: Cathy Freeman

  • Ondina Valla: Il sole in un sorriso

  • Werner Gunthor: Il barbaro coi baffi

  • Fonderia Mercury - Via Thaon di Revel 21, Milano - 02.36571080 - info@fonderiamercury.it - P.IVA: 07332730964